Il Potere della Trasformazione nella tua Identità Professionale

L’UNICA COSA CHE SERVE DAVVERO

Se dovessi nominare una qualità che più aiuta i professionisti ad emergere dal mucchio e non morire in mezzo a disagi personali e professionali, me ne viene in mente immediatamente una: la voglia di trasformarsi.

La trasformazione, il cambiamento, la crisi stessa (che se proprio vogliamo guardare bene significa “decisione, discernimento”), non sono da evitare, anzi: sono la chiave dell’evoluzione, anche in ambito professionale.

identità professionale e cambiamento

TRASFORMAZIONE E IDENTITA’ FLUIDA

L’altra sera sono andata a un workshop sull’identità (sìsì adoro l’argomento… mi occupo di brand identity mica per caso!): sdraiati a terra, abbiamo iniziato a seguire le indicazioni che ci venivano date dalla conduttrice, mentre ci guidava nella presa di coscienza del corpo con un lavoro di rilassamento e una tecnica immaginativa.

Per i 3/4 del lavoro, non mi sembrava di aver capito granché… mi aspettavo una qualche illuminazione divina (che spesso arriva)… invece, a ‘sto giro mi sembrava di essere al punto di partenza, con poche certezze sulla mia identità -e che cavolo, un giorno mi sento in un modo e il giorno dopo in un altro!-

Verso la fine del workshop, però, quando mi stavo preparando ad andare via un po’ delusa e avvilita, la rivelazione è arrivata:

L’identità non è fissa. E’ dinamica, in continuo movimento. Oggi non sono la persona che ero ieri, né la persona che sarò domani. Occorre dis-identificarci per ritrovarci.

Roba forte, per una che lavora personalmente e professionalmente sulla costruzione dell’identità… Faccio tanta fatica (e la faccio fare anche ai miei clienti), per scoprire che non esiste un’identità fissa, statica, ben definita??

Eppure, la cosa mi ha tranquillizzata…cavolo se mi ha tranquillizzata! Pensare di essere sempre le stesse persone, gli stessi professionisti, le stesse aziende e di avere a che fare con le stesse persone, ogni giorno, non è possibile. Cambiamo in continuazione, ciclicamente e la realtà attorno a noi cambia, è dinamica, un continuo fluire di energie, persone, azioni, pensieri.

Chi non si lascia andare a questo movimento perpetuo è destinato a “ristagnare”. Questa è la natura della vita.

COSA SIGNIFICA AVERE UN’IDENTITA’ PROFESSIONALE ‘FLUIDA’?

Tornando in ambito lavorativo, a cosa serve questa consapevolezza, quando devi gestire la tua “identità professionale”? Quali sono i pensieri stagnanti che devi lasciar andare insieme alla corrente?

1| Pensare di sapere con certezza matematica che tipo di professionista sei.

Se pensi di saperlo, hai perso dei pezzi e continuerai a perderne! Quando sei troppo sicuro di poter “inquadrare, definire, categorizzare” chi sei, vuol dire che hai una visione rigida e probabilmente distorta della tua professione. Magari l’immagine che hai in mente andava bene l’anno scorso, ma quest’anno? Cos’è cambiato attorno a te? Come sei cambiato tu, come persona? Cos’hai imparato di nuovo, in cosa ti sei ricreduto? Vedi che non sei più lo stesso…

2| “Ho sempre fatto così e funzionerà sempre”

Altra bufala. Ho un cliente che è rimasto fra i primi 3 fornitori di una grossa società, sbaragliando una ventina di altri concorrenti con i quali ha dovuto contendere il primato negli ultimi 15 anni. Come ha fatto a sopravvivere? Ha capito che dire “Ho sempre fatto così” è quello che ci si racconta quando si è pigri o spaventati dal cambiamento. Nel corso dei suoi 30 anni di vita (la sua attività ha un bel passato alle spalle) si è informato, trasformato, ha modificato metodologie di lavoro.. ha capito che la comunicazione stava passando online e, pur non essendo un nativo digitale, ha deciso di diventare un “appassionato del cambiamento”. Oggi non lo schiodo più da LinkedIn. Chapeau.

3| Il brand è statico.

evoluzione identità professionale e brand

Equivale a dire che è morto.. Il brand non è un blocco di cemento, è materia viva, elastica, plasmabile, proprio perché dietro c’è una persona viva e in evoluzione continua, cioè tu!

Da piccolo hai imparato a parlare, a stare in piedi, poi ad essere autonomo, a relazionarti con persone diverse, a emozionarti, a pensare, a prenderti cura di te e di altre persone.. anche il brand attraversa delle fasi simili: ha una storia, un passato,un presente e un futuro. Permettigli di evolvere e trasformarsi, quando giunge il momento.

4| Pensare che non puoi sbagliare.

Il più grosso errore è avere paura degli errori. Lo dico con cognizione di causa, sono una grande affezionata alla paura di sbagliare! Quando devo presentare un nuovo prodotto, provare nuovi modi per coinvolgere i clienti, testare alternative per interagire sui social, apportare una modifica al mio profilo LinkedIn, scrivere un articolo sul blog inserendo qualche parola “sconveniente”.. ho sempre paura di sbagliare. Per fortuna, ho ancora più paura di non provare…

UN ESEMPIO DI PROFESSIONISTA FLUIDA E’….

Madonna…..Madonna! non importa se ti piace, se ritieni le sue scelte discutibili o geniali. Quel che è certo, è che ha costruito un Brand attorno a sè (in realtà, un vero e proprio impero) senza perdere le vette, nemmeno dopo 30 anni e con un bel po’ di rughe in più.

La chiave del suo successo? Di certo non la sua voce.. bensì il mutamento continuo. Certo, il suo è un mutamento pensato nei minimi dettagli come strumento di marketing, non necessariamente naturale… ma se fosse rimasta ai tempi di “Like a virgin”, dopo quanto sarebbe stata scavalcata dalle nuove e affamate leve della scena musicale?

Ha saputo reinventarsi, adattandosi al preciso momento storico in cui viveva… mai uguale, eppure sempre fedele a se stessa.  E quanti scivoloni ha fatto nel corso della sua carriera?

IN BREVE: LASCIA CHE LA TUA ATTIVITA’ SI TRASFORMI, INSIEME A TE

identità professionale

Lo so, oggi questo articolo è un po’ strano rispetto ai soliti, però fa parte anche lui di quella “Comunicazione dal cuore” che tengo davvero tanto a farti comprendere. Permettiti di essere te stesso, oggi, in questo momento. Permettiti di riscoprirti nuovo in ogni istante e non dare nulla per scontato.

Hai voglia di dirmi le tue impressioni? Oggi come ti senti? Se hai voglia di “raccontarti”, scrivimi! info@bittersweteventi.com

 

***

Isabel Colombo Consulente Comunicazione dal CuoreSono Isabel Colombo, 32 anni, una laurea in Scienze della Comunicazione e 9 anni “a zig-zag” nel mondo degli Eventi e della Comunicazione.

Oggi sono Consulente di quella che io amo definire Comunicazione “dal Cuore”: insegno alle persone a usare gli strumenti di Comunicazione solo dopo aver capito chi sono e cosa le rende davvero uniche e felici. Non sono una psicologa, né una coach…. semplicemente, penso che il cuore abbia proprio una bella forma.. :)

Vuoi leggere qualcosa in più su di me? Leggi qua! 

 

7 (irritanti) preconcetti delle Aziende riguardo a Facebook
Usare la Foto su LinkedIn.. e altre 4 Funzionalità trascurate che possono portarvi al Top!

______

Condividi questo articolo sui tuoi canali social!
Share on Facebook0Share on LinkedIn0
No Comments

Post A Comment

0

Il tuo carrello