Come Essere Unici agli Occhi del Cliente e Differenziarsi dai Concorrenti in 5 Mosse

Differenziarsi dai concorrenti: come fare?

Andando a rileggere le risposte che avete inviato al mio sondaggio di qualche settimana fa, ho notato che molte perplessità riguardano l’approccio con il Cliente: in tanti mi hanno chiesto come migliorare la propria immagine, differenziarsi dai concorrenti, costruire il proprio brand, sfruttare appieno le proprie capacità (e su questi argomenti specifichi tornerò anche in futuro). In poche parole: come rendersi irresistibili agli occhi del Cliente?

Sembra una cosa semplicissima: tutti vogliamo sentirci unirci ed essere riconosciuti come tali! Poi però se qualcuno ci chiede cosa ci differenzia dagli altri, ci prende l’ansia…. ricordo l’anno scorso quando, nella costruzione del mio Business Plan, i consulenti di FD Research che mi aiutavano mi hanno fatto la fatidica domanda: cosa ti rende davvero unica rispetto ai tuoi concorrenti? O mamma….non ci avevo mai pensato! Ma come, non si vede già che sono diversa?? Panico…

Come per tutto, essere unici si può! Anzi: è già dentro il nostro DNA! Non esiste una persona uguale all’altra. Occorre solo scoprire la chiave per aprire questo immenso tesoro e renderlo visibile anche agli occhi degli altri e -nello specifico- dei nostri Clienti.

Qua di chiavi ve ne dò ben 5! Da usare insieme, alternare, sperimentare…. provatele tutte e guardate quali porte riescono ad aprire!

chiave per differenziarsi dai clientiCHIAVE N. 1 –> Pensate a cosa vi piaceva da bambini

Cosa vi piaceva fare da bambini? Quali erano le attività che vi rendevano davvero felici? Nel piacere e in ciò che ce lo provoca risiede il nostro specchio più profondo. Ciò che ci fa sentire appagati, le attività che ci divertono e appassionano, ci fanno comprendere in maniera chiara chi siamo e come scorre l’energia vitale al nostro interno.

Una persona che ama cucinare e si sente in pace con il mondo quando è a contatto con i suoi amati ingredienti sprigiona una sensualità diversa rispetto a una persona che adora leggere e immaginare mondi fantastici nella propria mente; una persona che adora gli sport estremi ed essere sempre attivo darà più importanza alla fisicità (intesa come esperienze fisiche, materiali) rispetto a un’altra che si perde nella meditazione.

Pensate che tutto questo non c’entri per differenziarvi dai concorrenti? Ricordate allora questo: il Cliente non compra quello che vendete; compra chi siete e perché lo fate.

il cliente non compra ciò che vendi, compra chi sei e perché lo fai (differenziarsi dai concorrenti)

 

chiave per differenziarsi dai clienti

CHIAVE N. 2 –> Smettetela di fare confronti

Siamo sempre stati abituati che dobbiamo guardare cosa fa il mercato, come si comportano i concorrenti ecc. ecc. La nostra visione delle cose parte sempre dall’esterno: in base a ciò che vedo, mi comporto di conseguenza. Ok, dove sta l’unicità? Se mi concentro su quello che fa il mio concorrente, so forse cosa rende unico lui…… e cosa c’entra con quello che rende unico me?

Confrontarsi con gli altri va benissimo, se vogliamo prendere spunto o capire dove siamo posizionati per poi differenziarci dai concorrenti, ma secondo una scala di valutazione che non ha molto a che vedere con la nostra vera essenza. Possiamo accorgerci che alcuni aspetti tecnici o di marketing puro vanno adattati alla situazione, e va benissimo! Per quello ci sono un sacco di corsi e di consulenti che vi possono aiutare. Sul trovare cosa è unico dentro di voi, però , nessuno vi può dare una risposta.

Allora, provate a fare così: riportate l’attenzione su di voi, sulle sensazioni che provate nel fare una determinata attività piuttosto che un’altra. Potreste accorgervi che vi piace di più tenere le relazioni con i clienti piuttosto che lavorare nel backoffice… che trovate più piacevole e divertente lavorare in gruppo piuttosto che da soli…. che quel servizio che oggi proponete proprio non vi piace! Vi viene la nausea non appena lo nominate, però avevate deciso di offrirlo perché era una “buona scelta di mercato”…. VIA, eliminatelo se non vi rappresenta! Decidete piuttosto di delegarlo a qualcun altro, ma per quello che vi riguarda, usate il vostro tempo ed energia per ciò che sentite davvero vostro. La vita è breve, inutile cincischiare.

chiave per differenziarsi dai clienti

CHIAVE N. 3 –> Cominciate dalla fine

Questo è un ottimo suggerimento, preso in prestito da un libro bellissimo che vi consiglio di leggere “Le 7 Regole per Avere Successo” di Stephen R. Covey ed è anche un bell’esercizio che faccio fare spesso ai miei clienti: provate a pensare al giorno del vostro funerale… alla fine insomma. Cosa vorreste che le persone dicessero di voi? E intendo dire: cosa volete che le persone sentano DAVVERO quando pensano a voi. Qual è il contributo vero che avete lasciato nel mondo? Quali vostre espressioni, attività, modi di essere sono rimasti scolpiti nel cuore della gente?

Cominciate dalla fine… perché alla fine, tutte le cose inutili e non indispensabili non verranno nemmeno ricordate. Resterà solo la vostra unicità, quello che vi rende indimenticabili.

chiave per differenziarsi dai clienti

CHIAVE N. 4 –> Evitate parole “standard”

Quando definite la vostra attività o scrivete sui vari materiali e strumenti di comunicazione (sito, brochures ecc.), cercate di evitare come la peste tutte quelle parole abusate e viste miliardi di volte. faccio alcuni esempi che mi vengono in mente nel mio settore:

“Siamo un’agenzia giovane e dinamica….”

“Seguiamo tutti i servizi a 360°….”

“Attenti a ogni minimo dettaglio…”

“Siamo i leader di mercato….”

“Affidabilità, serietà e professionalità….”

Vi svelo un segreto: anni fa, quando cominciavo a scrivere i testi per il mio sito, sono cascata anch’io in una serie di “parole ritrite”, che poi mi sono accorta essere già presenti su una miriade di altri siti.

Il punto è sempre lo stesso: siamo più attenti a “farci belli” di fronte ai clienti, piuttosto che a guardarci dentro e scegliere cosa veramente ci differenzia. Magari useremo delle parole strane, adatte solo per una nicchia e non per tutti quanti.. va bene comunque, l’importante è che vi rappresentino davvero.

Se poi ci tenete davvero a scrivere che siete “affidabili e professionali”, usate almeno una descrizione inaspettata di queste vostre qualità: “Siamo affidabili e professionali: ci ricordiamo sempre di cambiare l’acqua ai pesci rossi dell’ufficio e i nostri occhiali ci danno un’aria davvero intelligente….” Giocate con le parole! Sono vive, sono la forma del vostro stato d’animo e di come vi sentite dentro, se le lasciate fluire liberamente.

A proposito di trovare le parole che vi differenziano, un altro spunto interessante è quello degli ultimi video di Marie Forleo (mia paladina!), su come far “risuonare” unico il vostro business:

chiave per differenziarsi dai clienti

CHIAVE N. 5 –> Trovate il vostro strumento di Comunicazione preferito

Di strumenti ce ne sono tanti….. ormai sul web si trova di tutto: blog, video, Social media, a loro volta declinati in migliaia di altri strumenti e funzionalità.

Prendiamo per esempio il blogging: si tratta di scrivere online, rivolgendoci a un pubblico potenzialmente infinito. Ma “scrivere online” lo si può fare in un sacco di modi diversi: potete aprire un blog personale, dove scrivete tutti i giorni come se fosse il vostro diario di bordo.. oppure potete aprire una sezione dedicata nel vostro sito, scrivendo regolarmente una volta alla settimana.

Potrebbe piacervi di più utilizzare il blog di LinkedIn, o fare da “guest blogger” (ovvero da scrittore ospite) per il blog di qualcun’altro. Potreste però accorgervi che proprio non vi piace scrivere per altri e preferite creare uno spazio tutto vostro, intimo, dove poter parlare liberamente di quello che vi pare. (A proposito: se volete qualche spunto in più, leggete quale stile è meglio usare quando scrivete online)

O magari, scrivere non fa proprio per voi! Vi viene l’orticaria solo a pensarci… piuttosto preferite parlare e vi divertite davanti a una telecamera o un pubblico dal vivo… La scelta è vostra, l’importante è che ne siate consapevoli. E’ ovvio che combinare più strumenti aumenta anche la vostra visibilità; in termini di numeri e impatto sul vostro pubblico, più siete presenti con contenuti interessanti, più avete chance di farvi notare e di essere contattati.

Ma come tutto, è una scelta. E anche attraverso le scelte, che i professionisti possono differenziarsi dai concorrenti. Iscriversi su tutti i Social “perché lo fanno tutti” e poi non seguirne mezzo non vi rende competitivi; al contrario, vi appiattisce e vi rende anche approssimativi agli occhi del vostro target di riferimento. Molto meglio scegliere un solo mezzo e concentrarsi anima e corpo su quello. Sentite comunque l’importanza di usare più strumenti? Benissimo, delegate quelli che non riuscite a seguire in prima persona!

Ecco, per oggi ho finito. Queste sono solo 5 “pilloline” che hanno funzionato con me e ho pensato potessero essere utili anche per voi. Cosa ne pensate? Avete altre esperienze in proposito? Fatemelo sapere nei commenti qui sotto o scrivetemi a info@bittersweeteventi.com!

***

Isabel Colombo Consulente Comunicazione dal CuoreSono Isabel Colombo, 32 anni, una laurea in Scienze della Comunicazione e 9 anni “a zig-zag” nel mondo degli Eventi e della Comunicazione.

Oggi sono Consulente di quella che io amo definire Comunicazione “dal Cuore”: insegno alle persone a usare gli strumenti di Comunicazione solo dopo aver capito chi sono e cosa le rende davvero uniche e felici. Non sono una psicologa, né una coach…. semplicemente, penso che il cuore abbia proprio una bella forma.. 🙂

Vuoi leggere qualcosa in più su di me? Guarda qua! 

Usare la Foto su LinkedIn.. e altre 4 Funzionalità trascurate che possono portarvi al Top!
3 Strumenti da aggiornare durante il Ponte del 2 giugno

______

Condividi questo articolo sui tuoi canali social!
Share on Facebook0Share on LinkedIn0
No Comments

Post A Comment

0

Il tuo carrello