costo opportunità: su cosa ti concentri?

Il costo opportunità: a cosa stai rinunciando?

Ultimamente sto utilizzando una scheda di autovalutazione sugli “indicatori di successo”, presa in prestito da Brendon Burchard, l’autore di “High Performance Habits”.

Uso spesso questa scheda sia per me stessa che per i miei clienti e serve a capire fin da subito se un progetto ha le basi per stare in piedi o se occorre risolvere alcune questioni prima di lanciarsi nel vuoto..

gatto che non ha valutato bene gli indicatori di successo...

Il punto n. 4 è quello su cui quasi nessuno si sofferma mai a riflettere e che mette di fronte a una domanda di quelle belle toste: a cosa stai rinunciando, per questo progetto?

Il Costo Opportunità.

Non viene mai calcolato, poverino… ci si concentra sui costi di avvio, le spese vive ecc. tutto ciò che normalmente popola la nostra mente quando pensiamo alla parola costo.

Il Costo Opportunità invece è fenomenale, perché il suo oggetto di studio non è il progetto che stai valutando…. ma tutto ciò che è al di fuori del progetto.

Occorre trascendere per un attimo ciò che vuoi mettere in piedi e allungare la vista sull’orizzonte di tutto ciò cui dovrai rinunciare, per portare avanti il tuo progetto.

Il bello è che NON si tratta solo di “cosa non potrai acquistare con i soldi che ti servono per il progetto” e quali altre spese non potrai fare; l’aspetto monetario è solo una -e nemmeno quello più importante- delle valutazioni che ti troverai a fare.

A cosa dovrai rinunciare, in termini di energia, tempo, relazioni, salute, per il tuo progetto? Ne vale la pena?

Ogni giorno compi delle scelte.

Sì, hai ragione, il termine “rinuncia” fa sempre pensare che da una parte ci sia il giusto e dall’altra l’errore. Credo fermamente che NON esistano scelte giuste o sbagliate: esistono solo scelte. Noi possiamo solo fare in modo che diventino sempre più allineate rispetto a ciò che sentiamo e consapevoli rispetto ai progetti che decidiamo di intraprendere.

Provo allora a riformulare la domanda: dove stai scegliendo di incanalare le tue risorse mentali, economiche, fisiche, emotive?

Se decidi di porre l’attenzione su qualcosa, inevitabilmente la distogli da qualcos’altro. Il multitasking è una cagata, sappilo.

“Il multitasking ci rende meno efficienti e comporta un vero e proprio esaurimento delle funzioni cerebrali.” (Daniel J. Levitin, “The Organized Mind: Thinking Straight in the Age of Information Overload”)

“Quando la gente pensa di fare multitasking, in realtà sta solo passando da un compito a un altro molto rapidamente . E ogni volta che lo fa, c’è un costo cognitivo.” (Earl Miller, neuroscienziato – fonte corriere.it )

Il nostro cervello non è fatto per seguire 100.000 cose in una volta sola. L’intenzione chiara si concentra su una cosa bene precisa. Il nostro focalizzato principio maschile ci viene in aiuto, in questo caso.

Dove decidi di concentrare la tua attenzione?

Esempio banale: se vuoi afferrare una tazza che c’è sul tavolo, il tuo cervello deve mandare informazioni ben precise ai muscoli rispetto a dove si trova la tazza, a che distanza, quanto può pesare ecc. Se l’intenzione è focalizzata, puoi sperare di prendere la tazza senza rovesciarti il tè bollente addosso.

Non ti accorgi di fare tutto ciò perchè il processo è diventato automatico, ma l’intenzione precisa di “afferrare la tazza” ci dev’essere: cosa potrebbe succedere se contemporaneamente ti squillasse il telefono di fianco all’orecchio e ti distraessi?

L’attenzione è fondamentale. Lo dicevo qualche tempo fa in questo post, a noi non manca il tempo: il tempo è uguale per tutti, è quello che è….non può “mancare”. Ciò che invece spesso manca è un’idea chiara rispetto a dove concentrare i nostri sforzi, rispetto a ciò che vogliamo davvero sperimentare nella vita.

Allora, tornando al costo opportunità: se decidi di concentrare la tua attenzione e le tue energie su un progetto, a quali altri progetti, ambiti, persone non potrai dedicare la stessa intenzionalità?

Da cosa dovrai inevitabilmente distogliere l’attenzione?

  • tempo da dedicare a te stesso
  • formazione e crescita personale
  • esperienze da trascorrere con la tua famiglia
  • la nascita di un progetto di coppia
  • un altro progetto lavorativo
  • salute e benessere psico- fisico
  • … sonno!!

Fai bene i tuoi calcoli e rispondi, con molta sincerità: che voto daresti al tuo “indicatore di successo n. 4”? Qual è il costo opportunità che sei pronto a sostenere?

 


Vuoi leggere altro? Prova con:

Intelligenza Emotiva: le emozioni ti aiutano ad avere successo


Isabel Colombo Comunicazione dal Cuore

Sono Isabel Colombo, 10 anni “a zig-zag” nel mondo della Comunicazione e una passione sfrenata per il mondo interiore, le relazioni umane, l’evoluzione personale.

Oggi sono Consulente di quella che io amo definire Comunicazione “dal Cuore”: insegno ai professionisti a esprimersi autenticamente attraverso la loro attività e li guido nella scelta degli strumenti giusti per farlo. Non sono una psicologa, né una coach.. semplicemente, penso che il cuore abbia proprio una bella forma! Leggi altro su di me >>

Le opportunità nascoste dietro al conflitto.
Le 5 definizioni di "Successo" che preferisco

______

Condividi questo articolo sui tuoi canali social!
Share on Facebook1Share on LinkedIn0
No Comments

Post A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

0

Il tuo carrello