Comunicare con i Vestiti (addosso)

L’ABITO FA IL MONACO?

“L’abito non fa il monaco”, ci hanno sempre insegnato fin da quando eravamo bambini. Peccato che poi cresci e ti accorgi che questi benedetti abiti lo fanno il monaco, eccome!

Cosa riusciamo a dire di noi, in poche frazioni di secondo, solamente con gli abiti che abbiamo scelto di indossare alla mattina? Se avessimo messo un maglione ampio e caldissimo, anzichè un tailleur strizzatissimo con tacco 12, avremmo fatto la stessa impressione alla gente?

Io dico di no….. Magari avremmo ricevuto uno sguardo compassionevole in più e un fischio d’apprezzamento in meno (so di cosa parlo, dato che sono una colpevole maniaca di maglie e maglioncini di ogni tipo e colore, basta che siano caldi e comodi!!)

Eppure, proprio io, che parlo di Comunicazione tutti i giorni, a volte tralascio un assunto fondamentale: il modo in cui ci vestiamo E’ Comunicazione. Gli accessori che scegliamo di mettere SONO Comunicazione. Indicano il nostro stile, cosa ci piace, quali sono i nostri punti di forza, con quale obiettivo siamo usciti di casa quel giorno e come intendiamo ottenerlo.

Ecco perché ho deciso di bruciare tutti i maglioni che avevo nell’armadio. O almeno, una parte.

Per aiutarmi a fare questo dolorisissimo passo, ho chiesto però una mano a una persona…

 

RINCHIUDETELY E IL RIORDINO DEL GUARDAROBA

rinchiudetely_bittersweeteventi

Uno degli outfit proposto da Elena di Rinchiudetely… e pensare che avevo già tutto nel guardaroba!

Si comunica in tanti modi. Con le parole, con il tono di voce, con il modo di camminare, con i gesti e le facce che facciamo. Con i vestiti che indossiamo.

Questo è quello che ha subito compreso Elena Dossi, creatrice del progetto Rinchiudetely, grazie al quale “entra” nei guardaroba delle persone che hanno bisogna di una rinfrescata al look e le aiuta a mettere in ordine fra la confusione, ma soprattutto, a valorizzare capi di vestiario utilizzati poco o rimasti nell’angolo da tempo immemore.

Ho trovato l’idea curiosa e utile e ho voluto sperimentare in prima persona i “magici poteri” di riordino e abbinamento di Elena: volevo capire come potevo diventare in grado di comunicare in maniera impeccabile attraverso la scelta del look giusto per ogni occasione. Tutto questo, senza stravolgere il mio già ben fornito guardaroba!

FASE 1: TIRARE FUORI L’IMPOSSIBILE DAL GUARDAROBA

Dapprima, ho tirato fuori dall’armadio quello che avevo, mettendo tutto in bella vista in modo che Elena potesse darmi il suo parere a una prima occhiata.

Con occhio rapido e veloce, è stata infatti in grado di mettere insieme capi d’abbigliamento che avevo buttato lì un po’ per caso e che mai avrei creduto potessero stare bene insieme!

FASE 2: DEFINIRE L’OBIETTIVO

Nel mio caso, l’obiettivo era quello di trovare degli outfit da lavoro, professionali ma anche un po’ sbarazzini, che potessero far coesistere le due anime di creatività e precisione che contraddistinguono BitterSweet.

Da qui, siamo partite alla ricerca dell’abbinamento giusto, senza dimenticare scarpe e accessori.

FASE 3: PROVARE I LOOK

Gli abbinamenti non vanno solo trovati, ma anche provati! Ho indossato subito tutto quello che Elena tirava fuori per me, per vedere se l’outfit stava effettivamente bene anche quando indossato e provarne gli effetti sulla mia autostima (enormi!)

FASE 4: FOCALIZZARE GLI ELEMENTI MANCANTI E MEMORIZZARE GLI OUTFIT GIUSTI

Nell’ultima fase, si fa un check di quello che effettivamente manca nel guardaroba e allo stesso tempo si fa tesoro di tutto quello che è stato appreso nel corso della giornata. Adesso non si può più dire “Non so cosa mettere!

MA COSA C’ENTRA LA COMUNICAZIONE?

Qui volevo arrivare: quanta attenzione dedicate alla scelta dei giusti abiti da indossare per un incontro di lavoro, un pranzo con un cliente, un appuntamento con un fornitore? Cosa emerge dalla vostra figura, una volta che vi guardate allo specchio?

Eppure, la giusta cintura sul punto vita può fare la differenza tra una bella donna casual-chic pronta a firmare un contratto e un sacco di patate che non capisce perchè la persona seduta di fronte a lei la stia guardando in modo strano..

Quello che intendo dire è che cominciate a comunicare ancora prima di aprire bocca. E questo va benissimo, fintanto che avete la piena consapevolezza di cosa state indossando e come lo state portando.

Qui dovete far attenzione, perché anche i vestiti mentono. Se non vi sentite a vostro agio in un abito, se credete che un outfit vi renda anonimo, goffo, inadatto alla situazione che dovete affrontare…cambiate stile!

Trovate il vostro stile, quello che meglio vi rappresenta e che parla immediatamente di voi. Non abbiate paura di curare il vostro aspetto esteriore, perché non sarete ne frivoli, né sciocchi, né superficiali. Semplicemente, avrete la piena consapevolezza dei messaggi del vostro corpo, che fa parte di voi e va curato esattamente come fate con la vostra mente.

Non sapete da che parte cominciare? Chiamate Elena di Rinchiudetely.. e iniziate dal vostro guardaroba: avete già tutto quello che serve a portata di mano!

Ti ho incuriosito con questo servizio di “riordino del guardaroba”? Vuoi farmi qualche domanda? Scrivimi! Il mio indirizzo mail è info@bittersweeteventi.com 
Se ti è piaciuto l’argomento, ti potrebbe interessare anche: PROFESSIONISTA? 5 ERRORI DI COMUNICAZIONE CHE NON TI ACCORGI DI FARE
PERCHE' UNA PROFESSIONISTA NON DOVREBBE MAI DIMENTICARSI DI ESSERE DONNA
Professionista? 5 Errori di Comunicazione Che Non Ti Accorgi di Fare

______

Condividi questo articolo sui tuoi canali social!
Share on Facebook0Share on LinkedIn0
No Comments

Post A Comment

0

Il tuo carrello